Blog: http://enzoamendola.ilcannocchiale.it

Servizio

"-Napoli è un laboratorio. Ed è uno specchio. Se non ti piace quello che vedi qui, prova allora a pensare a come è ridotto il paese. Fammi solo la cortesia di non attaccare la solfa sulle responsabilità della sinistra e su quelle della destra. Perchè a Napoli, come nel resto del paese, hanno governato entrambe. E chi governa non è meglio né peggio di chi li elegge.
-Vorrei tanto capire dove vuoi andare a parare con il tuo ragionamento.
-Non voglio dimostare nulla. Mi piacerebbe soltanto che tu finalmente guardassi nel fondo delle cose. Il fatto di essere un poliziotto non te lo impedisce. Anzi, ti dovrebbe aiutare. Fatti qualche domanda, Michelangelo. Oggi sei qui a dare qualche calcio in culo a chi non vuol riaprire la discarica. La domenica sei allo stadio a non farti linciare da ragazzini gonfi di veleno. Durante la settimana ripulisci alla bisogna i marciapiedi da puttane e clandestini, giusto? Poi, magari, ci scappa qualche centro sociale, qualche scuola occupata. Assorbi ogni giorno una dose omeopatica di rabbia. Magari in attesa che qualcuno, di tanto in tanto, ti liberi la museruola: quanto può durare, Michelangelo? quanto può durare?
-Non molto, credo.
-E allora difenditi.
-Come?
-Magari cominciando a chiamare le cose con il loro nome...
-A Genova, al processo per il G8, l'ho fatto. E per questo mi hanno annientato...." ACAB di Carlo Bonini (Einaudi editore)

Pubblicato il 14/6/2009 alle 16.46 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web