.
Annunci online


Biografia
Sono nato a Napoli 35 anni fa, iniziando il mio impegno politico a 16 anni. A 18 anni sono stato eletto per i DS capogruppo nella circoscrizione del centro storico di Napoli. Nella Sinistra Giovanile ho ricoperto il ruolo di responsabile esteri nazionale e di vice presidente della IUSY. Dal 2001 al 2006 ho ricoperto il ruolo di segretario Generale della IUSY. Negli ultimi due anni sono stato membro del Presidium e dell´Esecutivo dell´Internazionale Socialista (IS). Per la IUSY sono stato delegato ai più rilevanti forum internazionali: dal Consiglio d´Europa al World Social Forum. Ho partecipato a varie riunioni del PSE e della IS per i DS ed è membro del Consiglio nazionale dei DS. Dal luglio 2006 ho fatto parte della Segreteria Nazione dei Democratici di Sinistra con incarico per il Mezzogiorno. Da novembre del 2006 alla nascita del PD sono stato segretario regionale Ds Campania.Da Luglio 2008 coordino in Campania l'associazione ReD.
Links
Feed RSS

Servizio

Pubblicato il 14 6 2009, alle 16:46, in Diario

"-Napoli è un laboratorio. Ed è uno specchio. Se non ti piace quello che vedi qui, prova allora a pensare a come è ridotto il paese. Fammi solo la cortesia di non attaccare la solfa sulle responsabilità della sinistra e su quelle della destra. Perchè a Napoli, come nel resto del paese, hanno governato entrambe. E chi governa non è meglio né peggio di chi li elegge.
-Vorrei tanto capire dove vuoi andare a parare con il tuo ragionamento.
-Non voglio dimostare nulla. Mi piacerebbe soltanto che tu finalmente guardassi nel fondo delle cose. Il fatto di essere un poliziotto non te lo impedisce. Anzi, ti dovrebbe aiutare. Fatti qualche domanda, Michelangelo. Oggi sei qui a dare qualche calcio in culo a chi non vuol riaprire la discarica. La domenica sei allo stadio a non farti linciare da ragazzini gonfi di veleno. Durante la settimana ripulisci alla bisogna i marciapiedi da puttane e clandestini, giusto? Poi, magari, ci scappa qualche centro sociale, qualche scuola occupata. Assorbi ogni giorno una dose omeopatica di rabbia. Magari in attesa che qualcuno, di tanto in tanto, ti liberi la museruola: quanto può durare, Michelangelo? quanto può durare?
-Non molto, credo.
-E allora difenditi.
-Come?
-Magari cominciando a chiamare le cose con il loro nome...
-A Genova, al processo per il G8, l'ho fatto. E per questo mi hanno annientato...." ACAB di Carlo Bonini (Einaudi editore)




permalink | inviato da enzoamendola il 14/6/2009 alle 16:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa